Ultimo aggiornamento 6 ore fa S. Cristina vergine

Notizie Costiera Amalfitana - Notizie Costiera Amalfitana

Notizie Costiera Amalfitana

Ravello Festival 2024 - dal 30 giugno al 25 agosto la 72esima edizione del Festival della Musica in Costa d'Amalfi Maurizio Russo liquori e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' Tirreni. Elisir di Limone, il Limoncello di Maurizio Russo, è realizzato esclusivamente con limone IGP della Costa d'Amalfi Il San Pietro di Positano è uno degli alberghi più iconici della Costa d'Amalfi. Ospitalità di Lusso e Charme a PositanoGM Engineering srl, sicurezza, lavoro, ingegneriaSmall Boutique Hotel in Costiera Amalfitana, Villa Romana Hotel & SPAHotel Santa Caterina, Albergo 5 Stelle lusso ad Amalfi. Ristorante Il Glicine, stella Michelin ad Amalfi

Tu sei qui: CronacaIl TAR respinge il ricorso del Comune di Ravello: solo i residenti di Castiglione avranno accesso al cimitero di Atrani

Cronaca

Atrani, Ravello, Castiglione, Cimitero, Polizia Mortuaria, TAR, Ricorso

Il TAR respinge il ricorso del Comune di Ravello: solo i residenti di Castiglione avranno accesso al cimitero di Atrani

L'accesso al cimitero di Atrani è consentito ai soli residenti di Castiglione, ricadenti nella riperimetrazione territoriale della frazione stabilita con delibera consiliare n.19 dell'8 giugno 2022

Inserito da (Admin), martedì 11 giugno 2024 18:54:17

Il Tribunale Amministrativo Regionale (TAR) della Campania, sezione staccata di Salerno, lo scorso 8 maggio si è pronunciato in merito al ricorso presentato dal Comune di Ravello con il quale contestava la delibera del Consiglio Comunale di Atrani, n. 19 dell'8 giugno 2022, che ha modificato l'art. 55 del Regolamento di Polizia Mortuaria, limitando di fatto l'accesso al cimitero ai soli residenti di Castiglione, rientranti nella riperimetrazione territoriale della frazione prevista dalla suddetta delibera consiliare.

Oggi sono state rese note le motivazioni della sentenza.

Il Comune di Ravello, rappresentato dall'avvocato Giovanni Torre, sosteneva che la modifica al suddetto regolamento fosse in violazione dei principi di lealtà e cooperazione tra enti locali e che tale decisione fosse stata presa senza un adeguato confronto. In particolare, evidenziava che, storicamente, i residenti della frazione di Castiglione avevano avuto il diritto di sepoltura nel cimitero di Atrani in virtù di un accordo risalente al 1970.

Il Comune di Atrani, difeso dall'avvocato Francesco Armenante, ha motivato la modifica regolamentare con la necessità di gestire lo spazio cimiteriale sempre più limitato e di coprire le spese cimiteriali, sostenute unicamente dal Comune stesso. In particolare, la decisione era stata supportata da una congrua istruttoria e che l'amministrazione comunale aveva il diritto di regolamentare l'accesso al proprio cimitero per garantire la sostenibilità del servizio.

Presieduta dal dott. Salvatore Mezzacapo e relazionata dalla dott.ssa Anna Saporito, la corte ha rigettato il ricorso del Comune di Ravello, affermando che la regolamentazione dei cimiteri spetta al Comune proprietario e che Atrani ha agito nel rispetto delle norme e della propria autonomia regolamentare. La sentenza ha chiarito che non vi è stato alcun autovincolo da parte di Atrani nel deliberare la modifica regolamentare e che la decisione di limitare l'accesso ai soli residenti di Castiglione (escludendo Marmorata e zona Valle del Dragone) è giustificata dalla necessità di gestione delle risorse cimiteriali.
Su questo punto si legge testualmente «il riferimento all'originaria conformazione territoriale della frazione di Castiglione emerge dagli atti dell'istruttoria e, segnatamente, dal verbale della Commissione Regolamento dell'11 febbraio 2022, ove si richiama la necessità di "specificare le vie dove devono risiedere al momento del decesso le salme che possono accedere al cimitero di proprietà del Comune di Atrani", precisando che "le vie scelte sono quelle più attigue al cimitero di Atrani o ricadenti nella Parrocchia di Atrani, che verosimilmente in origine formavano la frazione Castiglione quando negli anni settanta fu apposta delibera del Comune di Atrani che ammetteva al cimitero i cittadini della frazione stessa"».

Il TAR ha, pertanto, stabilito che il provvedimento del Comune di Atrani è legittimo. La decisione segna la fine di una lunga disputa tra i due comuni della Costiera Amalfitana, stabilendo che solo i residenti della frazione di Castiglione di Ravello e ricadenti nella riperimetrazione territoriale stabilita dalla delibera del Consiglio Comunale dell'8 giugno 2022, potranno essere sepolti nel cimitero di Atrani.

Fonte: Il Vescovado

Galleria Fotografica

rank: 106814101

Cronaca

Cronaca

Occupava abusivamente 365 metri quadri di spiaggia libera, denunciato gestore a Casal Velino

Nell'ambito dell'attività di monitoraggio e controllo del litorale di competenza, il personale del dipendente Ufficio Locale Marittimo di Acciaroli, congiuntamente con personale dell'Ufficio Circondariale Marittimo di Agropoli, ha accertato nel litorale ricadente nel Comune di Casal Velino (SA) una abusiva...

Cronaca

Sequestrate 38 piante di marijuana nell'avellinese: crescevano rigogliose sul suolo demaniale

Continua senza sosta l'attività di controllo del territorio coordinata dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Avellino, guidata dal Colonnello Salvatore Minale, mirata al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti. In un'operazione congiunta, i militari della Tenenza e della Stazione...

Cronaca

Da Boscoreale ad Eboli per spacciare droga: nei guai 4 persone

In data odierna, i Carabinieri di Salerno hanno dato esecuzione a un'ordinanza applicativa di misure cautelari emessa dal GIP del Tribunale di Salerno su richiesta della Procura della Repubblica, nei confronti di 4 soggetti - di cui 3 destinatari della misura degli agli arresti domiciliari, 1 dell'obbligo...

Cronaca

Napoli, scoperto lido abusivo a Coroglio: scattano denunce e sequestri

Gli agenti della Polizia Locale di Napoli ha condotto una vasta operazione congiunta in collaborazione con la Capitaneria di Porto, la Guardia di Finanza e il Commissariato di Bagnoli nell'area di Coroglio, precedentemente nota come ex Sbarcatoio di Nisida. Al termine dei controlli, che hanno visto l'impiego...