Ultimo aggiornamento 4 minuti fa S. Aurelio vescovo

Notizie Costiera Amalfitana - Notizie Costiera Amalfitana

Notizie Costiera Amalfitana

Ravello Festival 2024 - dal 30 giugno al 25 agosto la 72esima edizione del Festival della Musica in Costa d'Amalfi Maurizio Russo liquori e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' Tirreni. Elisir di Limone, il Limoncello di Maurizio Russo, è realizzato esclusivamente con limone IGP della Costa d'Amalfi Il San Pietro di Positano è uno degli alberghi più iconici della Costa d'Amalfi. Ospitalità di Lusso e Charme a PositanoGM Engineering srl, sicurezza, lavoro, ingegneriaSmall Boutique Hotel in Costiera Amalfitana, Villa Romana Hotel & SPAHotel Santa Caterina, Albergo 5 Stelle lusso ad Amalfi. Ristorante Il Glicine, stella Michelin ad Amalfi

Tu sei qui: MondoSigi

MondoSigi

<<<1234>>>

Costiera Amalfitana, cultura, Giuseppe Liuccio

Un anno dalla morte di Giuseppe Liuccio, poeta e scrittore di fine sensibilità

Fu lui a portare ad Amalfi Salvatore Quasimodo, a indurlo a scrivere quello "Elogio", che è un testo di pura poesia, in prosa, dedicato alla Città erede della più antica repubblica marinara

Inserito da (Redazione il Vescovado Notizie), giovedì 18 luglio 2024 10:49:50

Di Sigismondo Nastri È passato un anno dalla morte di Giuseppe Liuccio e ne sentiamo terribilmente la mancanza. Come scrissi allora, egli aveva avuto due amori. Uno, istintivo, derivato dal suo stesso DNA, testimoniato da una lirica, "Chesta è la terra mia", appassionata, di forte carica emotiva, scritta in puro cilentano, dedicata a Trentinara, il luogo che gli aveva dato i natali il 1° maggio 1934: 《Si viri nu paese...

Amalfi, bombe, guerra, cronaca, ricordo, storia

Ottantuno anni fa le bombe ad Amalfi: il ricordo di Sigismondo Nastri

Penso che per questi episodi, soprattutto per conservare viva la memoria delle vittime, Amalfi avrebbe potuto chiedere, negli ottantuno anni trascorsi dalla fine della seconda guerra mondiale, il conferimento di un riconoscimento al valor civile.

Inserito da (Redazione Costa d'Amalfi), giovedì 18 luglio 2024 08:19:32

di Sigismondo Nastri Avevo otto anni. Abitavo nella parte alta di Amalfi, all'inizio della lunga scalinata che porta a Pontone. Ricordo gli scoppi, che ci fecero sobbalzare dalla paura, in quella terribile interminabile notte tra il 17 e il 18 luglio 1943. E poi le notizie riferite da papà sui morti e i feriti. Fu una pagina dolorosa della storia di Amalfi. Ricordo pure l'esplosione di un'altra bomba, non sono in grado...

Ferragosto, tradizioni, canti mariani, chiesa, invocazione

A un mese dall'Assunta: la tradizione dei canti mariani

Il culto mariano, come è espresso nelle tammurriate, recepisce antiche tradizioni nelle quali s'intrecciano reminiscenze pagane e Cristianesimo.

Inserito da (Admin), lunedì 15 luglio 2024 19:26:40

di Sigismondo Nastri - Manca un mese al 15 agosto, quando celebreremo la solennità dell'Assunta: Maria, che una preghiera invoca come «porta del Cielo, specchio della luce divina, santuario dell'Alleanza tra Dio e gli uomini». C'è un'indagine sui canti dedicati alla Madonna, a partire dai primi secoli della Chiesa, realizzata da Sergio Militello, musicista e compositore, fondatore del Centro internazionale di musica sacra....

Positano, Francesco Cossiga, ricordo, storia

Francesco Cossiga: Sigismondo Nastri ricorda l'arrivo dell'allora Presidente della Repubblica a Positano

Francesco Cossiga arrivò a Positano nella mattinata del 15 luglio 1991 e vi si trattenne fino a pomeriggio inoltrato. Difficile che me ne possa dimenticare. Seguii la visita come cronista per raccontarla l'indomani, fino ai dettagli, su un quotidiano di Salerno. Questo mi consentì di avere con lui un rapporto diretto.

Inserito da (Redazione Costa d'Amalfi), lunedì 15 luglio 2024 08:11:06

di Sigismondo Nastri Francesco Cossiga arrivò a Positano nella mattinata del 15 luglio 1991 e vi si trattenne fino a pomeriggio inoltrato. Difficile che me ne possa dimenticare. Seguii la visita come cronista per raccontarla l'indomani, fino ai dettagli, su un quotidiano di Salerno. Questo mi consentì di avere con lui un rapporto diretto. La giornata era bella, soleggiata, seppur tormentata da un vento fastidioso che...

Salerno, teatro, professore, lutto

Salerno, addio all'attore e docente Attilio Bonadies: il ricordo di Sigismondo Nastri

"Con Attilio Bonadies se ne va uno studioso di tradizioni, storia, arte, cultura: non solo del "suo" Cilento, ma dell'intero territorio salernitano. Se ne va un signore del palcoscenico: autore, regista, attore, fine dicitore"

Inserito da (Redazione Costa d'Amalfi), sabato 15 giugno 2024 07:59:02

Si è spento nelle scorse ore Attilio Bonadies, attore, regista e docente di lettere. Protagonista di diversi spettacoli del Teatro Popolare Salernitano, fondatore e figura importante del Teatro gruppo di Salerno, Bonadies era noto anche in Costiera Amalfitana, come ha ricordato Sigismondo Nastri. "Con Attilio Bonadies se ne va uno studioso di tradizioni, storia, arte, cultura: non solo del "suo" Cilento, ma dell'intero...

Costiera amalfitana, Minori, Maiori, Amalfi, Ravello

I riti del Giovedì santo e del Venerdì santo in Costiera amalfitana

Il culmine della solennità lo si raggiunge con la processione di Venerdì santo. A Minori, come a Ravello, ad Amalfi, a Maiori.

Inserito da (PNo Editorial Board), giovedì 28 marzo 2024 07:45:15

Di Sigismondo Nastri In Costiera Amalfitana, protagonisti di questo tempo di Passione sono i Battenti. Bisogna venirci per rendersene conto. Vestiti di una lunga tunica bianca, incappucciati, in qualche caso (ad Amalfi) col capo coronato di rovi, cinti alla vita da un nodoso cilicio, che anticamente adoperavano per percuotersi a sangue, escono per le strade al calar delle ombre, giovedì, per la visita a Gesù sacramentato...

Pastiera, Pasqua, Sigismondo Nastri

Senza pastiera, che Pasqua sarebbe?

La pastiera, dal profumo inebriante di cedro e fiori d’arancio, rigorosamente di fattura domestica, con quel tocco personale che la distingue dalle altre, è sicuramente il simbolo della Pasqua.

Inserito da (PNo Editorial Board), sabato 23 marzo 2024 10:57:47

Di Sigismondo Nastri* La pastiera, dal profumo inebriante di cedro e fiori d'arancio, rigorosamente di fattura domestica, con quel tocco personale che la distingue dalle altre, è sicuramente il simbolo della Pasqua. In chiave gastronomica, intendo dire. Sono convinto che, se ne mettiamo cinquanta in fila su un tavolo, all'assaggio non ne troviamo due uguali. Le differenze non sono tanto negli ingredienti quanto nel loro...

Amalfi, costiera amalfitana, Processione del Cristo Morto

“Se ad Amalfi la Processione del Cristo Morto finisce, tanto vale abolire anche quella di Sant’Andrea”: la riflessione di Sigismondo Nastri

"Mi auguro che Arcivescovo e parroco respingano ogni ipotesi di compromesso. Se la processione del Venerdì Santo non potrà svolgersi come è sempre avvenuto, con quel pathos che l'ha sempre caratterizzata, tanto vale abolirla. E non solo questa. Anche quella di Sant'Andrea, il 27 giugno"

Inserito da (PNo Editorial Board), sabato 9 marzo 2024 09:34:20

Di Sigismondo Nastri Leggo il documento firmato dal Priore della Congrega dell'Addolorata, e per quanti sforzi faccia non riesco a credere che ad Amalfi possa succedere ciò che vi viene anticipato [Andrea Amendola, l'indimenticabile Barbone, si starà rivoltando nella tomba]. Ricordo altri momenti storici in cui i miei concittadini si sono messi in conflitto con l'autorità ecclesiastica, ma lo hanno fatto, certamente sbagliando...

Taranto, Roma, intercity, Trenitalia, mucche

L'Intercity Taranto-Roma fa strage di mucche e resta bloccato nella foresta

L'intercity di Trenitalia Taranto-Roma, passato per Potenza alle ore 15.48 di ieri, è rimasto bloccato in località Franciosa di Baragiano alle ore 16.25 dopo aver investito alcune mucche (dieci, a quanto pare) che pascolavano tranquille

Inserito da (Redazione Costa d'Amalfi), martedì 5 marzo 2024 10:41:19

da un post di Sigismondo Nastri L'intercity di Trenitalia Taranto-Roma, passato per Potenza alle ore 15.48 di ieri, è rimasto bloccato in località Franciosa di Baragiano alle ore 16.25 dopo aver investito alcune mucche (dieci, a quanto pare) che pascolavano tranquille su quell'unico binario ferroviario che collega il capoluogo della Basilicata a Salerno, dove l'arrivo era previsto alle ore 17.30. Alle ore 19.00, attraverso...

Carnevale, Polpette, Gastronomia, Tradizione, Gusto

Le polpette di Carnevale

Le polpette di Carnevale hanno, tra gli ingredienti irrinunciabili, i pinoli e l'uvetta sultanina.

Inserito da (Admin), martedì 13 febbraio 2024 09:26:21

Un proverbio calabrese recita: «A purpetta gioia mia è na cosa ca ta ricria» (La polpetta, gioia mia, è una cosa che ti fa godere). In particolare, quelle che si preparano a Carnevale e hanno, tra gli ingredienti irrinunciabili, i pinoli e l'uvetta sultanina. Ho letto questa espressione indirizzata da un innamorato alla sua donna (o viceversa, più verosimile): «Sii la mia polpetta, io sarò il tuo ragù». Me ne approprio...

Carnevale, Chiacchiere, dolci, tradizione

Le chiacchiere di Carnevale, secondo Sigismondo Nastri

Per noi sono "chiacchiere" e va bene così. Altri preferiscono chiamarle "bugie", "frappe", ecc. Fa lo stesso. L’importante è che siano buone, leggere, delicatamente croccanti.

Inserito da (Admin), martedì 13 febbraio 2024 08:50:22

di Sigismondo Nastri Parliamo di... chiacchiere, magari senza nemmeno aprire la bocca. Solo per masticarle delicatamente e gustarle al massimo. Non mi riferisco alle «chiacchiere e tabacchere ‘e legno ca ‘o Banco ‘e Napule nun 'e ‘mpegna» ma a quelle, oltremodo squisite, che sono la più tipica specialità dolciaria del Carnevale, conosciute con nomi diversi in tutte (o quasi) le regioni italiane. Mio suocero, che si divertiva...

Amalfi, Carnevale, Zeza

Elogio del Carnevale e della... "Zeza"

"Quando ero ragazzo, ad Amalfi (come in tanti posti della Campania) si cantava la "Canzone di Zeza" agli angoli delle strade. Con Vicenzella che faceva l'occhio languido a Don Nicola", racconta Sigismondo Nastri

Inserito da (PNo Editorial Board), sabato 10 febbraio 2024 10:19:49

Di Sigismondo Nastri 《Nu poco 'e canto e ssuone Carnevale pure 'o vvò》. Quando ero ragazzo, ad Amalfi (come in tanti posti della Campania) si cantava la "Canzone di Zeza" agli angoli delle strade. Con Vicenzella che faceva l'occhio languido a Don Nicola: 《Oi mamma mà che veco! Nn'è chillo Don Nicola? Mò proprio sarrà asciuto dalla scola! Si chillo me vulesse, io me lo spusarrìa e cchiù sotto de tata nun starria.》 E questi...

Amalfi, costiera amalfitana, San Biagio

Amalfi festeggia San Biagio: la lirica di Sigismondo Nastri premiata a Milano

Stasera, alle 18, la processione con la statua del Santo lungo Via Annunziatella dalla chiesa di San Nicola dei Greci, sita nel rione Vagliendola.

Inserito da (PNo Editorial Board), sabato 3 febbraio 2024 15:39:45

Di Sigismondo Nastri Il 3 febbraio, giorno della festa, ad Amalfi, salivo a San Biagio, la chiesetta che è "quase 'mparaviso", in cima al rione Vagliendola, a farmi ungere la gola. Mi piaceva come atto devozionale e perché da lassù, affacciandomi, potevo godere una vista straordinaria che spazia dalla facciata del duomo, dirimpetto, a un favoloso tratto di costa. Un paesaggio che mi ispirò una lirica in napoletano premiata...

Candelora, inverno, Gesù, candele, febbraio

2 febbraio, Festa della Candelora. Ma è proprio vero che dall'inverno siamo fuori?

Un vecchio detto insegna: "Cannelora, stàte dinto, vierno fòra" (cioè: finisce l'inverno, comincia l'estate).

Inserito da (PNo Editorial Board), venerdì 2 febbraio 2024 07:30:02

Di Sigismondo Nastri Festa della Candelora (dal latino "candelorum" = benedizione delle candele). Un vecchio detto insegna: "Cannelora, stàte dinto, vierno fòra" (cioè: finisce l'inverno, comincia l'estate). Freddo a parte, se mi affaccio al balcone, m'accorgo che è proprio così. Anche se non ci sono segni evidenti della primavera, prossima a venire. Non si intravedono ancora germogli sui rami dei siliquastri (alberi...

Maiori, Minori, costiera amalfitana, galleria

A proposito di trafori…

"La prima volta che sentii parlare dell'ipotesi di una galleria tra Minori e Maiori fu nel corso di un incontro organizzato dal sindaco dell'epoca, Angelo Amorino. Il problema, quindi, viene a noi da lontano..."

Inserito da (PNo Editorial Board), sabato 20 gennaio 2024 15:27:33

Di Sigismondo Nastri Come ho già avuto modo di scrivere, la prima volta che sentii parlare dell'ipotesi di una galleria tra Minori e Maiori fu nel corso di un incontro organizzato dal sindaco dell'epoca, Angelo Amorino. Il problema, quindi, viene a noi da lontano. La riunione si svolse in una sala dell'hotel Splendid a Maiori. C'era l'on. Mario Valiante, allora sottosegretario di Stato. Vi fummo invitati il compianto...

San Giuseppe Moscati, Mons. Ercolano Marini, Sigismondo Nastri

Due ricorrenze che si incrociano: la festa di San Giuseppe Moscati, l'anniversario della morte di mons. Ercolano Marini

Ricorre domani, 16 novembre, la festa di San Giuseppe Moscati. Singolare la coincidenza con l'anniversario della morte di mons. Ercolano Marini, suo biografo e in un certo senso "anticipatore" della sua canonizzazione

Inserito da (PNo Editorial Board), mercoledì 15 novembre 2023 14:24:22

Di Sigismondo Nastri Ricorre domani, 16 novembre, la festa di San Giuseppe Moscati (25.7.1880-12.4.1927), "fulgido esempio di amore di Dio e di distacco dalle tristi realtà del mondo". Ecco ciò che l'illustre medico napoletano scriveva, in data 8 marzo 1925, al suo amico dott. Antonio Nastri di Amalfi, fratello di mio nonno: "Ma è indubitato che la vera perfezione non può trovarsi se non estraneandosi dalle cose del mondo,...

Ravello, Costiera Amalfitana, I ricordi di un ottuagenario, Storia e Storie, Gina Lollobrigida

"Quando scioperammo per Gina", il ricordo di Sigismondo Nastri

Il singolare episodio agli inizi degli anni 50, rivissuti con dovizia di particolari dal giornalista e professore in quiescienza, Sigismondo Nastri

Inserito da (Admin), domenica 5 novembre 2023 18:32:50

di Sigismondo Nastri Ad Amalfi c'era la Scuola media, intitolata allo storico locale Matteo Camera, con annesso ginnasio. Conseguita la licenza ginnasiale, nel 1950, vivemmo lunghi giorni di tensione e di attesa. L'istituzione del liceo, come sezione staccata del rinomato "Torquato Tasso" di Salerno, giunse ad autunno inoltrato, grazie all'interessamento determinante del sindaco, Francesco Amodio. Al termine del corso...

Atrani, Costiera amalfitana, fede, Gesù

“Fides tua te salvam fecit. Vade in pace”: l’iscrizione sul pavimento della Collegiata di Atrani

È la frase rivolta da Gesù al cieco di Gerico, dopo avergli restituita la vista.

Inserito da (PNo Editorial Board), sabato 21 ottobre 2023 09:24:51

Di Sigismondo Nastri Ad Atrani, sul lucido pavimento marmoreo della Chiesa Collegiata di Santa Maria Maddalena colpisce questa iscrizione: "Fides tua te salvam fecit. Vade in pace" [La tua fede ti ha salvato. Va' in pace]. È la frase rivolta da Gesù al cieco di Gerico, dopo avergli restituita la vista. E alla donna che nella calca gli aveva solo toccate le vesti, sperando con quel gesto di liberarsi da un male che la...

Amalfi, Costiera Amalfitana, Storia, Storie

Quando il custode vietò gli "assembramenti" nei gabinetti pubblici di Amalfi

Il post di Sigismondo Nastri che racconta un piccolo spaccato di un'Amalfi ormai lontana

Inserito da (Admin), giovedì 19 ottobre 2023 12:21:08

di Sigismondo Nastri A metà del secolo scorso, i servizi igienici pubblici di Amalfi erano posizionati presso la Porta della Marina. Nonostante fossero angusti e scomodi, dato che bisognava scendere alcuni gradini per accedere agli orinatoi e, presumibilmente, al solo WC disponibile, erano frequentati assiduamente. Il custode di questi servizi era Ferrigno (il cui nome mi sfugge), un severo militante del Pci e devoto...

Amalfi, costiera amalfitana, Giovanni XXIII

Il singolare rapporto tra Amalfi e Giovanni XXIII

Oggi, 11 ottobre, si celebra San Giovanni XXIII. Sigismondo Nastri ricorda la figura di Angelo Giuseppe Roncalli, che fu Papa dal 28.8.1958 e fu proclamato santo il 27.4.2014

Inserito da (PNo Editorial Board), mercoledì 11 ottobre 2023 08:48:43

Oggi, 11 ottobre, si celebra San Giovanni XXIII. Angelo Giuseppe Roncalli, già Patriarca di Venezia, fu Papa dal 28.8.1958. Nato a Sotto il Monte, Bergamo, il 25.11.1881; morto nella Città del Vaticano il 3.6.1963. Fu proclamato santo il 27.4.2014. La ricorrenza della sua festa corrisponde alla data d'inizio del Concilio Vaticano II e a quella del suo celebre discorso della luna dalla finestra del Palazzo Apostolico....

<<<1234>>>