Ultimo aggiornamento 3 minuti fa S. Aurelio vescovo

Notizie Costiera Amalfitana - Notizie Costiera Amalfitana

Notizie Costiera Amalfitana

Ravello Festival 2024 - dal 30 giugno al 25 agosto la 72esima edizione del Festival della Musica in Costa d'Amalfi Maurizio Russo liquori e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' Tirreni. Elisir di Limone, il Limoncello di Maurizio Russo, è realizzato esclusivamente con limone IGP della Costa d'Amalfi Il San Pietro di Positano è uno degli alberghi più iconici della Costa d'Amalfi. Ospitalità di Lusso e Charme a PositanoGM Engineering srl, sicurezza, lavoro, ingegneriaSmall Boutique Hotel in Costiera Amalfitana, Villa Romana Hotel & SPAHotel Santa Caterina, Albergo 5 Stelle lusso ad Amalfi. Ristorante Il Glicine, stella Michelin ad Amalfi

Tu sei qui: CronacaStrage di Erba, Corte d'Appello di Brescia ha ammesso il ricorso per decidere su revisione processo

Cronaca

strage, erba, ergastolo, processo, revisione, corte appello, brescia, rosa, olindo, istanza

Strage di Erba, Corte d'Appello di Brescia ha ammesso il ricorso per decidere su revisione processo

L'udienza, fissata al 1°marzo prossimo, vedrà i giudici chiamati a decidere sull'istanza di revisione presentata dalle difese dei due coniugi e del procuratore generale di Milano

Inserito da (Redazione Nazionale), martedì 9 gennaio 2024 20:39:43

La strage di Erba si riapre dopo la condanna di Olindo Romano e Rosa Bazzi: i due coniugi condannati per gli omicidi avvenuti l'11 dicembre del 2006 di Raffaella Castagna, suo figlio Youssef, di poco più più di due anni, la madre di Raffaella, Paola Galli e una loro vicina di casa, Valeria Cherubini.

Si salvò soltanto, anche se gravemente ferito, il marito della Cherubini, Mario Frigerio che morì alcuni anni dopo e che fu testimone chiave nel processo riconoscendo Olindo Romano come il suo aggressore.

Olindo Romano e Rosa Bazzi confessarono la strage per poi ritrattare ma furono condannati definitivamente all'ergastolo.

Adesso c'è il colpo di scena: il 1 marzo prossimo, a più di 17 anni dalla strage, si tornerà in aula, davanti ai giudici della seconda sezione della Corte d'appello di Brescia, per decidere se prendere in considerazione le nuove prove contenute nelle tre diverse richieste (poi riunite) di revisione del processo.

Nella richiesta del procuratore generale di Milano Cuno Tarfusser modellata su quello della difesa degli imputati - rappresentata dai difensori Fabio Schembri, Nico D'Ascola, Patrizia Morello e Luisa Bordeaux - e sostenuta anche dai tutori dei coniugi Romano, vi è un lungo elenco di prove la cui ammissibilità sarà il primo punto da affrontare nell'udienza di marzo.

Come in qualunque processo le parti dovranno prendere posizione sull'ammissione delle nuove prove su cui la difesa punta per ribaltare un processo che ha retto per ben tre gradi di giudizio.

A rappresentare l'accusa sarà un procuratore generale di Brescia, mentre le parti civili - ossia i familiari delle vittime della strage - dovranno decidere se ricostituirsi.

L'ammissibilità delle prove o meno sarà centrale per capire l'eventuale orientamento dei giudici, più nuove prove potrebbero essere ammesse più la corte potrebbe propendere per una decisione piuttosto che una conferma del verdetto.

La decisione dei giudici è di fatto ad un bivio: confermare o annullare la sentenza che tiene Olindo e Rosa dietro le sbarre rispettivamente di Opera e Bollate.

La difesa prova ad arrivare al possibile "errore giudiziario".

La Corte d'Appello di Brescia, quindi, ammettendo il ricorso di Olindo Romano e Rosa Bazzi, condannati all'ergastolo per la strage di Erba, al termine dell'udienza i giudici decideranno sull'istanza di revisione presentata dalle difese dei due coniugi e dal sostituto di Milano.

 

Fonte foto: pagina FB TG3

Fonte: Booble

Galleria Fotografica

Olindo e Rosa dietro le sbarre<br />&copy; pagina FB TG3 Olindo e Rosa dietro le sbarre © pagina FB TG3
Olindo Romano all'epoca del processo<br />&copy; pagina FB TG3 Olindo Romano all'epoca del processo © pagina FB TG3

rank: 10614106

Cronaca

Cronaca

Tragedia a Torre del Greco, ragazzo di 17 anni annega in mare

Un ragazzo di 17 anni è morto annegato a Torre del Greco, vicino a una spiaggia libera di via Litoranea. La tragedia, come riporta Repubblica, si è consumata nella giornata di ieri. A perdere la vita è Piero Cirillo di Boscotrecase. Il ragazzo aveva deciso di concedersi qualche momento di relax al mare...

Cronaca

Salerno, detenuto aggredisce compagno di cella con una lametta: l'uomo non ce l'ha fatta

Episodio choc nel carcere di Salerno, dove ieri sera - 18 luglio - un detenuto magrebino, armato di una lametta, ha aggredito e sgozzato un connazionale al culmine di una lite. L'aggressore, un 24enne, è stato prontamente bloccato dagli agenti della polizia penitenziaria. La vittima, un 30enne magrebino,...

Cronaca

Tentativi di truffe agli anziani in Costiera Amalfitana: prestare attenzione

I Carabinieri segnalano nuovi tentativi di truffe agli anziani in Costiera Amalfitana e invitano tutti i cittadini a prestare massima attenzione e a istruire gli anziani sui comportamenti da adottare per evitare di cadere in inganno. È importante evitare di fornire i propri dati al telefono e di aprire...

Cronaca

Si sporge troppo dal balcone, uomo soccorso dai vicini a Maiori

Apprensione questa mattina a Maiori, dove un giovane ha deciso di togliersi la vita. L'episodio, come riporta Il Vescovado, è avvenuto in quartiere delle zone alte. L'uomo si è sporto dal balcone della propria abitazione, attirando l'attenzione dei residenti che sono intervenuti per farlo ragionare....