Ultimo aggiornamento 44 minuti fa S. Federico vescovo

Notizie Costiera Amalfitana - Notizie Costiera Amalfitana

Notizie Costiera Amalfitana

Ravello Festival 2024 - dal 30 giugno al 25 agosto la 72esima edizione del Festival della Musica in Costa d'Amalfi Maurizio Russo liquori e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' Tirreni. Elisir di Limone, il Limoncello di Maurizio Russo, è realizzato esclusivamente con limone IGP della Costa d'Amalfi Il San Pietro di Positano è uno degli alberghi più iconici della Costa d'Amalfi. Ospitalità di Lusso e Charme a PositanoGM Engineering srl, sicurezza, lavoro, ingegneriaSmall Boutique Hotel in Costiera Amalfitana, Villa Romana Hotel & SPAHotel Santa Caterina, Albergo 5 Stelle lusso ad Amalfi. Ristorante Il Glicine, stella Michelin ad Amalfi

Tu sei qui: CronacaMorte Giulia Cecchettin, Filippo Turetta: "L'ho uccisa io e non ho avuto il coraggio di farla finita"

Cronaca

giulia cecchettin, filippo turetta, femminicidio,

Morte Giulia Cecchettin, Filippo Turetta: "L'ho uccisa io e non ho avuto il coraggio di farla finita"

Dopo aver confessato di aver ammazzato l'ingegnera biomedica di 22 anni, diventano pubblici gli audio della ragazza in un documento di Chi l'ha visto al Tg1: "Mi sento in una situazione in cui vorrei che sparisse, vorrei non avere più contatti con lui. Ma ho paura che si faccia del male"

Inserito da (Redazione Nazionale), giovedì 23 novembre 2023 11:34:25

di Norman di Lieto

Rimettere insieme i pezzi del puzzle fa più male che mai.

Giulia Cecchettin, aveva confidato alle amiche il disagio di quella relazione che ormai la opprimeva, in un documento di Chi l'ha visto al Tg1:

"Mi sento in una situazione in cui vorrei che sparisse, vorrei non avere più contatti con lui. Ma ho paura che si faccia del male".

Nell'audio Giulia diceva fra l'altro che "lui mi viene a dire cose del tipo che è superdepresso, che ha smesso di mangiare, che passa le giornate a guardare il soffitto, che pensa solo ad ammazzarsi, che vorrebbe morire".

Queste cose, Filippo "non me le viene a dire per forza, secondo me, come ricatto, però suonano molto come ricatto", afferma Giulia nella registrazione, che prosegue:

"E allo stesso tempo mi viene a dire che l'unica luce che vede nelle sue giornate sono le uscite con me o i momenti in cui io gli scrivo. E quindi questa cosa con il fatto che io vorrei non vederlo più perché comincio a non sopportarlo più, mi pesa. Non so come sparire, nel senso che vorrei fortemente sparire dalla sua vita, ma non so come farlo perché mi sento in colpa, perché ho troppa paura che possa farsi male in qualche modo"

Intanto in attesa dell'estradizione dalla Germania all'Italia, Filippo Turetta confessa l'omicidio di Giulia, in realtà lo aveva confessato sin da subito agli agenti che sabato sera lo avevano bloccato sull'autostrada vicino a Lipsia.

Parole che dovrà ripetere agli inquirenti italiani appena sarà consegnato all'Italia.

Lo attende la magistratura veneziana, per interrogarlo di persona dopo aver picchiato, accoltellato e abbandonato Giulia.

Nelle dichiarazioni rese agli investigatori tedeschi, avrebbe detto di aver cercato "più volte di farla finita" nel corso della fuga con la sua Punto nera, puntandosi il coltello alla gola, ma di non avere mai trovato il coraggio di farlo. Poi un passaggio importante nei verbali: "ho ammazzato la mia fidanzata", una frase che ha il valore di una prima confessione ma che conferma, anche, come Filippo non accettasse la fine della storia con Giulia, tanto da chiamarla ancora, appunto, la 'mia fidanzata'.

Il suo difensore, Emanuele Compagno, non ha escluso di poter chiedere per il 22enne una perizia psichiatrica:

"Perché non dovremmo?

Questo non per esonerare il ragazzo da ogni responsabilità, ma per capire davvero fino in fondo che cosa c'è stato nella sua mente".

Intanto il quotidiano: "La Repubblica" e la trasmissione televisiva di Rai 3, Chi l'ha visto? rivelano come un vicino di casa dei Cecchettin avesse sentito delle urla tra due persone che litigavano e aveva chiamato prontamente i carabinieri sin dai primi momenti dell'aggressione, pur non riuscendo a prendere nota del numero di targa della Punto nera con cui Turetta si è poi allontanato con Giulia, dopo averla aggredita a 150 metri da casa sua e con lei che gridava: "Così mi fai male".

A quanto si apprende i Carabinieri poi non hanno mandato nessuna pattuglia perché non era stata presa la targa dell'auto dal vicino di casa.

Fonte: Booble

Galleria Fotografica

Giulia Cecchettin<br />&copy; pagina IG Giulia Cecchettin Giulia Cecchettin © pagina IG Giulia Cecchettin

rank: 100413101

Cronaca

Cronaca

Positano, divieto di balneazione sulla spiaggia del Fornillo: ARPAC rileva enterococchi intestinali oltre il limite

Con un'apposita ordinanza sindacale, il 17 luglio, a Positano, è stato disposto il divieto di balneazione temporaneo nella Spiaggia del Fornillo. Il 15 luglio, infatti, gli esiti dei prelievi ARPAC hanno dato il valore di 782 n/100ml Enterococchi intestinali, su un limite di 200. Per questo, in attesa...

Cronaca

Incidente sull'A2: le vittime sono marito e moglie, gli avvocati Mario Valiante e Wilma Fezza

Sono gli avvocati Mario Valiante e Wilma Fezza, marito e moglie di Pellezzano, le vittime dell'incidente verificatosi questa mattina sull'autostrada A2 direzione Sud all'altezza dello svincolo per Eboli. Wilma e Mario erano molto conosciuti ed apprezzati per la loro professionalità e per la dedizione...

Cronaca

Apprensione in spiaggia ad Atrani, ragazzo accusa malore: soccorso da medico in vacanza

Momenti di apprensione questa mattina, intorno alle 12:30. Come scrive Il Vescovado, un ragazzo ha accusato un malore improvviso mentre si trovava sull'arenile del borgo di Atrani Ad evitare il peggio è stato un medico in vacanza che, trovandosi in spiaggia e notando l'accaduto, è subito intervenuto,...

Cronaca

Le vittime dell’incidente sull’A2 erano gli avvocati Mario Valiante e Wilma Fezza: annullato spettacolo a Pellezzano

Nel maxi incidente di questa mattina, a Eboli, in autostrada, sono morti i noti avvocati Mario Valiante e Wilma Fezza, marito e moglie di Pellezzano, professionisti stimati e conosciuti, impegnati anche nell'associazionismo e nello sport. «È impossibile trovare le parole giuste per rappresentare il dolore...