Notizie Costiera Amalfitana - Notizie Costiera Amalfitana

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Notizie Costiera Amalfitana - Notizie Costiera Amalfitana

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

Ultimo aggiornamento 36 minuti fa S. Ermenegildo martire

Notizie Costiera Amalfitana - Notizie Costiera Amalfitana

Notizie Costiera Amalfitana

GM Engineering srl, sicurezza, lavoro, ingegneriaSmall Boutique Hotel in Costiera Amalfitana, Villa Romana Hotel & SPAHotel Santa Caterina, Albergo 5 Stelle lusso ad Amalfi. Ristorante Il Glicine, stella Michelin ad Amalfi

Tu sei qui: CronacaVenezia, detenuto denuncia: "Pestato dagli agenti"

Cronaca

detenuti, carcere, suicidi, pestaggi, violenze, denunce, sovraffollamento

Venezia, detenuto denuncia: "Pestato dagli agenti"

La denuncia arriva dal suo avvocato. La vicenda è ancora al vaglio della magistratura dopo che è stato aperto un fascicolo a Venezia

Inserito da (Redazione Nazionale), martedì 27 febbraio 2024 21:16:35

di Norman di Lieto

Secondo quanto riferito da un detenuto di 23 anni sarebbe stato pestato in cella da tre agenti della polizia penitenziaria, che gli avrebbero rotto alcune costole e lesionato la milza, tanto che i medici che poi l'hanno preso in cura, a Verona, sono stati costretti a sottoporlo ad un intervento chirurgico d''urgenza.

I magistrati hanno aperto subito un fascicolo a Venezia, competenti per quello che è accaduto nel carcere di Santa Maria Maggiore di Venezia.

Anna Osti è la legale che difende gli interessi del detenuto: l'avvocata ha presentato una denuncia per lesioni nei confronti delle tre guardie, ed un esposto è arrivato anche sul tavolo del garante regionale dei detenuti.

Quello che la magistratura dovrà verificare è la ricostruzione del detenuto: c'è un fatto che verrà messo sotto la lente dagli inquirenti.

Dopo il pestaggio, il detenuto è stato trasferito da Venezia in un penitenziario veronese dove poi sarebbe stato sottoposto ad un intervento d'urgenza per emorragia interna.

Il detenuto sarebbe stato 'colpevole' di aver inscenato una protesta dopo essergli stato negata la possibilità di chiamare la madre.

In un secondo momento, alcune guardie gli avrebbero detto che poteva chiamare alla madre ma portandolo in realtà in un luogo dove sarebbe scattata la presunta ''spedizione punitiva'.

Secondo l'avvocata Osti - dopo aver sentito il suo assistito il detenuto avrebbe colpito prima un agente quando ha scoperto che il luogo dove sarebbe stato condotto non era dotato del telefono.

"Nella stanzetta c'era una terza guardia, e in tre lo hanno preso per i capelli, colpito, e colpito ancora".

Secondo il referto medico stilato in ospedale a Verona: al giovane sarebbero state riscontrate alcune costole rotte, lesioni ad un orecchio, e tumefazione all'occhio destro, una lesioni alla milza che ha provocato l'emorragia.

"Mio figlio non è un santo - ha raccontato la madre, Anna - Ha sbagliato e sta scontando la sua pena. Però quello che gli è accaduto non deve succedere più a nessuno. In qualche altra occasione qualcuno lo aveva picchiato, ma erano stati episodi meno gravi. Dopo essere stato picchiato è stato lasciato così, senza il permesso per le cure né per avvertire la mamma o l'avvocato. Quando hanno visto che era in condizioni abbastanza gravi lo hanno trasferito".

Il caso del detenuto picchiato dagli agenti segue quello accaduto a Reggio Emilia con un video dello scorso anno reso noto ai primi di febbraio.

In una nota la senatrice dell'Alleanza Verdi e Sinistra, Ilaria Cucchi - che chiede l'intervento del ministro della Giustizia, Carlo Nordio - ha dichiarato:

"Lesioni da botte alla testa, al volto, sul corpo, con la milza spappolata così è arrivato undetenutodal carcere di Venezia a quello di Verona. E dopo una settimana in terapia intensiva, al suo risveglio ha denunciato il pestaggio da parte degli agenti del penitenziaro Santa Maria Maggiore di Venezia. Una cosa gravissima, al limite della tortura. Le carceri dovrebbero essere luoghi rieducativi, non certo un luogo dove usare tortura. Ma purtroppo non è così. Se mai ce ne fosse bisogno, questa è l'ennesima dimostrazione dell'importanza di aver approvato una legge, nel 2017, che punisse la tortura e, che ora non deve essere toccata. Antigone ha fotografato una realtà inquietante: 13 i procedimenti e i processi per presunte violenze e torture avvenute negli istituti di pena di Ivrea, Modena, Viterbo, Monza, Torino, San Gimignano, Santa Maria Capua a Vetere, Palermo, Nuoro, Bari e Salerno. Un giro d'Italia di violenze e torture non degno di un Paese civile. La famiglia del giovane ora chiede giustizia e verità e mi auguro che la procura chiarisca come sia potuto accadere un fatto simile al Santa Maria Maggiore, e individui i responsabili. Il ministro della Giustizia Nordio faccia chiarezza e intervenga immediatamente".

Sul tema delle carceri, ci sono ancora diverse criticità che colpiscono i penitenziari italiani, due di questi sono i suicidi e il sovraffollamento all'interno delle stesse strutture carcerarie.

Proprio sui suicidi, oggi, a Prato, un detenuto di 45 anni di origine nordafricana si è tolto la vita all'interno della sua cella.

I numeri sul numero di suicidi all'interno delle carceri italiane - non solo dei detenuti ma anche dello stesso personale - sono spaventosi per questo Gennarino De Fazio, segretario generale della Uilpa Polizia penitenziaria ha dichiarato:

''Ventuno detenuti e 2 appartenenti al Corpo di polizia penitenziaria si sono tolti la vita dall'inizio dell'anno. Con suicidi, omicidi, rivolte, tumulti, aggressioni, violenze e stupri, nel mentre si discetta della sperimentazione delle stanze dell'amore, si conclamano le stanze dell'orrore. Per quanto possa apparire paradossale, è il quadro della gestione delle carceri.

Quattordicimila detenuti in più e 18mila appartenenti alla Polizia penitenziaria in meno richiedono un intervento urgente per conseguire sia il deflazionamento della densità detentiva sia cospicui rinforzi organici, con procedure straordinarie e accelerate, negli operatori, oltre a riforme strutturali e complessive. In mancanza, altro che amore, continueranno morte, orrore e sofferenza'', conclude De Fazio.

 

FONTE FOTO: Foto diIchigo121212daPixabay e Foto diJody DavisdaPixabay

Fonte: Booble

Galleria Fotografica

Venezia, detenuto denuncia: "Pestato dagli agenti"
Carcere<br />&copy; Foto di Jody Davis da Pixabay Carcere © Foto di Jody Davis da Pixabay

rank: 103511103

Cronaca

Cronaca

Dramma a Cava de' Tirreni: donna investita da un camion muore in ospedale

Tragedia, questa mattina, a Cava de' Tirreni, dove una donna ha perso la vita a seguito di un grave incidente stradale nella frazione di Pregiato. Secondo quanto riportato da Ulisse Online, una donna è stata investita da un camion mentre attraversava la strada in via Aniello Salsano. Testimoni oculari...

Cronaca

Tragedia a Cava de’ Tirreni, donna viene investita da un camion e perde la vita

Tragedia questa mattina a Cava de' Tirreni, dove una donna ha perso la vita in un grave incidente stradale nella frazione di Pregiato. Come riporta Ulisse Online, la donna è stata investita da un camion mentre attraversava la strada in via Aniello Salsano. Come hanno raccontato alcuni testimoni, l'uomo...

Cronaca

Non pagano accise sui prodotti energetici: sequestro da 40 milioni di euro e 10 indagati a Nocera Inferiore

Nella mattinata di ieri, la Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Salerno ha dato esecuzione ad un provvedimento di sequestro preventivo di beni, valori mobiliari ed immobili, per un importo complessivo di circa 40 milioni di euro, procedendo contestualmente alla notifica di un avviso di conclusione...

Cronaca

Vigile urbano aggredito nel Napoletano, tre denunciati. Borrelli (Avs): «Meritano una pena severissima»

Sono stati identificati gli aggressori che nel pomeriggio di domenica 7 aprile hanno massacrato, con calci e pugni, un agente della Polizia Municipale fuori servizio come denunciato dal deputato dell'Alleanza Verdi Sinistra Francesco Emilio Borrelli che ha pubblicato il video del pestaggio contribuendo...

Notizie Costiera Amalfitana - Notizie Costiera Amalfitana

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.