Ultimo aggiornamento 5 ore fa S. Cristina vergine

Notizie Costiera Amalfitana - Notizie Costiera Amalfitana

Notizie Costiera Amalfitana

Ravello Festival 2024 - dal 30 giugno al 25 agosto la 72esima edizione del Festival della Musica in Costa d'Amalfi Maurizio Russo liquori e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' Tirreni. Elisir di Limone, il Limoncello di Maurizio Russo, è realizzato esclusivamente con limone IGP della Costa d'Amalfi Il San Pietro di Positano è uno degli alberghi più iconici della Costa d'Amalfi. Ospitalità di Lusso e Charme a PositanoGM Engineering srl, sicurezza, lavoro, ingegneriaSmall Boutique Hotel in Costiera Amalfitana, Villa Romana Hotel & SPAHotel Santa Caterina, Albergo 5 Stelle lusso ad Amalfi. Ristorante Il Glicine, stella Michelin ad Amalfi

Tu sei qui: CronacaNapoli, omicidio di Gelsomina Verde: dopo 19 anni arrestati altri due killer

Cronaca

omicidio, killer, cronaca, arresti

Napoli, omicidio di Gelsomina Verde: dopo 19 anni arrestati altri due killer

Il clan era in guerra con i Di Lauro nella faida che, nel 2004-2005, insanguinò con 60 omicidi i quartieri napoletani di Secondigliano e Scampia e i comuni di Melito, Mugnano, Casavatore e Arzano.

Inserito da (Redazione Costa d'Amalfi), venerdì 28 luglio 2023 09:14:18

Aveva 22 anni Gelsomina Verde quando, il 21 novembre 2004, fu rapita, torturata per ore, uccisa con tre colpi di pistola in testa e poi bruciata all'interno di un'auto. Era estranea agli ambienti criminali ma fu il mezzo per colpire un esponente degli "scissionisti" del clan camorristico Amato-Pagano, al quale era sentimentalmente legata, nel tentativo di estorcerle informazioni.

Il clan era in guerra con i Di Lauro nella faida che, nel 2004-2005, insanguinò con 60 omicidi i quartieri napoletani di Secondigliano e Scampia e i comuni di Melito, Mugnano, Casavatore e Arzano.

Per quell'uccisione erano già stati condannati l'uomo che aveva trascinato la giovane vittima all'appuntamento con i suoi assassini, e l'ideatore dell'agguato, che aveva anche partecipato attivamente all'esecuzione.

Dopo 19 anni, i poliziotti della Squadra mobile di Napoli hanno arrestato altri due esecutori materiali con l'accusa di omicidio aggravato dalla premeditazione e dal metodo mafioso, commesso allo scopo di avvantaggiare l'organizzazione camorristica Di Lauro.

Determinanti per la riapertura delle indagini sono state le dichiarazioni rese da alcuni collaboratori di giustizia, che, dopo i riscontri effettuati dagli investigatori della Squadra mobile napoletana, hanno permesso al giudice per le indagini preliminari del tribunale di Napoli, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia, di emettere il provvedimento che ha portato in carcere i due indagati.

Fonte: Positano Notizie

Galleria Fotografica

rank: 10137101

Cronaca

Cronaca

Occupava abusivamente 365 metri quadri di spiaggia libera, denunciato gestore a Casal Velino

Nell'ambito dell'attività di monitoraggio e controllo del litorale di competenza, il personale del dipendente Ufficio Locale Marittimo di Acciaroli, congiuntamente con personale dell'Ufficio Circondariale Marittimo di Agropoli, ha accertato nel litorale ricadente nel Comune di Casal Velino (SA) una abusiva...

Cronaca

Sequestrate 38 piante di marijuana nell'avellinese: crescevano rigogliose sul suolo demaniale

Continua senza sosta l'attività di controllo del territorio coordinata dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Avellino, guidata dal Colonnello Salvatore Minale, mirata al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti. In un'operazione congiunta, i militari della Tenenza e della Stazione...

Cronaca

Da Boscoreale ad Eboli per spacciare droga: nei guai 4 persone

In data odierna, i Carabinieri di Salerno hanno dato esecuzione a un'ordinanza applicativa di misure cautelari emessa dal GIP del Tribunale di Salerno su richiesta della Procura della Repubblica, nei confronti di 4 soggetti - di cui 3 destinatari della misura degli agli arresti domiciliari, 1 dell'obbligo...

Cronaca

Napoli, scoperto lido abusivo a Coroglio: scattano denunce e sequestri

Gli agenti della Polizia Locale di Napoli ha condotto una vasta operazione congiunta in collaborazione con la Capitaneria di Porto, la Guardia di Finanza e il Commissariato di Bagnoli nell'area di Coroglio, precedentemente nota come ex Sbarcatoio di Nisida. Al termine dei controlli, che hanno visto l'impiego...