Ultimo aggiornamento 6 ore fa S. Cristina vergine

Notizie Costiera Amalfitana - Notizie Costiera Amalfitana

Notizie Costiera Amalfitana

Ravello Festival 2024 - dal 30 giugno al 25 agosto la 72esima edizione del Festival della Musica in Costa d'Amalfi Maurizio Russo liquori e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' Tirreni. Elisir di Limone, il Limoncello di Maurizio Russo, è realizzato esclusivamente con limone IGP della Costa d'Amalfi Il San Pietro di Positano è uno degli alberghi più iconici della Costa d'Amalfi. Ospitalità di Lusso e Charme a PositanoGM Engineering srl, sicurezza, lavoro, ingegneriaSmall Boutique Hotel in Costiera Amalfitana, Villa Romana Hotel & SPAHotel Santa Caterina, Albergo 5 Stelle lusso ad Amalfi. Ristorante Il Glicine, stella Michelin ad Amalfi

Tu sei qui: Cronaca«Sei fidanzata e troppo occidentale». Amina picchiata dai familiari marocchini: la giovane in fuga dal Salernitano per rifarsi una vita

Cronaca

Cilento, Vallo della Lucania, violenze, aggressione, libertà, autonomia

«Sei fidanzata e troppo occidentale». Amina picchiata dai familiari marocchini: la giovane in fuga dal Salernitano per rifarsi una vita

Nonostante sia cittadina italiana e conosca bene la costituzione italiana, Amina si trova ad affrontare pesanti insulti, minacce e violenze fisiche da parte della sua famiglia a causa del suo fidanzamento con un compagno di scuola

Inserito da (Redazione Costa d'Amalfi), sabato 22 luglio 2023 08:13:57

Amina è una ragazza di 18 anni nata a Vallo della Lucania, in provincia di Salerno, da una famiglia marocchina. Nonostante sia cittadina italiana e conosca bene la costituzione italiana, Amina si trova ad affrontare pesanti insulti, minacce e violenze fisiche da parte della sua famiglia a causa del suo fidanzamento con un compagno di scuola. Questo ha trasformato la sua vita in un incubo, impedendole di vivere liberamente e mettendo a rischio i suoi sogni, le sue ambizioni e il suo amore per il ragazzo.

«Mia sorella - racconta al quotidiano "Il Mattino" - ha iniziato a picchiarmi in faccia e a tirarmi per i capelli portandomi a terra. Io riuscivo solo a piangere non riuscivo a difendermi. Non volevo farlo. I colpi aumentavano di forza e frequenza ma non riuscivo a sentire dolore. Le parole mi colpirono più forte dei pugni che ricevevo in continuazione. Sentivo solo: Invece di pensare alla scuola pensi a fare la poco di buono in giro, non sei più la brava ragazza che conoscevamo, perché non sei morta con nostro padre otto anni fa, ora ti odiamo tutti e per noi sei morta».

«Mia sorella mi continuava a ripetere che se fosse stata in me si sarebbe suicidata dopo quella vergogna. Hanno preso tutti i miei vestiti aderenti e corti e li hanno strappati e bruciati. Mia madre non riusciva più a guardarmi e a tenermi la mano. Io continuavo a ripetere che ero sempre sua figlia ma lei non mi rispondeva».

Amina ha resistito fino all'esame di maturità, per cui ha ottenuto 100 e lode, poi ha deciso di allontanarsi perché i suoi familiari «avevano in mente di portarmi dal dottore per controllare se fossi ancora vergine. Se non fossi stata vergine avrebbero subito riparato l'errore che avevo commesso facendomi sposare qualcuno all'istante. Non erano minacce al vento, sapevo che non erano mai stati più seri di così».

Il giorno della prova orale è stata aiutata dagli assistenti sociali che l'hanno condotta in una struttura dove però Amina non è riuscita ad ambientarsi e da cui, essendo ormai maggiorenne, ha deciso di andare via. La giovane ha anche organizzato una raccolta fondi su GoFundMe per poter andare a vivere da sola e mantenersi agli studi, allontanandosi così dalla sua famiglia che non tollera il suo voler "essere occidentale".

«Ora sono da sola con pochi soldi e devo pensare al mio futuro. Ho intenzione di proseguire i miei sogni per diventare dottoressa iscrivendomi alla facoltà di Medicina. Non nego di aver bisogno di aiuto e che da sola non ce la potrei mai fare- spiega -.Ammetterlo è già di per sé coraggioso. Questi fondi verranno utilizzati per la mia istruzione, insieme a quelli che accumulerò da sola lavorando senza studiare fino al prossimo anno, ed insieme ad eventuali bonus, in modo che possa diventare ciò che avevo promesso a mio padre da piccola. Farò di tutto per mantenere la promessa. Ho già ottenuto la mia libertà ma per poter essere esercitata ho bisogno di avere la mia indipendenza economica».

Foto: Comune di Castelnuovo Cilento

Fonte: Occhi su Salerno

Galleria Fotografica

rank: 101620108

Cronaca

Cronaca

Occupava abusivamente 365 metri quadri di spiaggia libera, denunciato gestore a Casal Velino

Nell'ambito dell'attività di monitoraggio e controllo del litorale di competenza, il personale del dipendente Ufficio Locale Marittimo di Acciaroli, congiuntamente con personale dell'Ufficio Circondariale Marittimo di Agropoli, ha accertato nel litorale ricadente nel Comune di Casal Velino (SA) una abusiva...

Cronaca

Sequestrate 38 piante di marijuana nell'avellinese: crescevano rigogliose sul suolo demaniale

Continua senza sosta l'attività di controllo del territorio coordinata dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Avellino, guidata dal Colonnello Salvatore Minale, mirata al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti. In un'operazione congiunta, i militari della Tenenza e della Stazione...

Cronaca

Da Boscoreale ad Eboli per spacciare droga: nei guai 4 persone

In data odierna, i Carabinieri di Salerno hanno dato esecuzione a un'ordinanza applicativa di misure cautelari emessa dal GIP del Tribunale di Salerno su richiesta della Procura della Repubblica, nei confronti di 4 soggetti - di cui 3 destinatari della misura degli agli arresti domiciliari, 1 dell'obbligo...

Cronaca

Napoli, scoperto lido abusivo a Coroglio: scattano denunce e sequestri

Gli agenti della Polizia Locale di Napoli ha condotto una vasta operazione congiunta in collaborazione con la Capitaneria di Porto, la Guardia di Finanza e il Commissariato di Bagnoli nell'area di Coroglio, precedentemente nota come ex Sbarcatoio di Nisida. Al termine dei controlli, che hanno visto l'impiego...